CATALOGNA, RAMPELLI E LA VECCHIA DESTRA CHE DIFENDE L’ESTABLISHMENT