CARO ADINOLFI, NON MANGIARTI LA FAMIGLIA