Il ‘Teatro’ di cemento al Sempione non è uno scempio, ma un’opportunità